GRAZIA COCCOLINI: IL MIO IMPEGNO A DIFESA DEL PARCO DELLA COSTITUZIONE

di Grazia Coccolini, Comitato “Salviamo il parco della Costituzione”

Un giorno di novembre passavo per una strada di Cinisello e vedo un manifesto: “Progetto di una nuova piscina nel Parco della Costituzione, discussione di una mozione in consiglio comunale”. Credevo di aver letto male: costruiscono nel parco, anzi, in quello che “avanza” del parco della Costituzione!

Subito penso che la cosa va segnalata agli abitanti del quartiere e stampo in casa dei manifestini da attaccare sugli ingressi dei condomini. La sera stessa sono in Consiglio comunale e mi accorgo che siamo in tanti, dalla parte del pubblico e dei consiglieri, a non volere questo “centro benessere”.

La mozione presentata da vari consiglieri di diversi partiti politici viene respinta anzi, sento dire che “i cittadini li hanno votati, pertanto si sentono delegati a decidere al posto nostro!”.

Ma non ci diamo per vinti: cerchiamo di conoscerci e di scambiarci i nomi e i numeri di cellulari per ritrovarci e iniziare un’attività capillare. Ci incontriamo nella sede di Legambiente e fondiamo il comitato “Salviamo il parco della Costituzione”. Dalla sera stessa organizziamo la stampa di volantini, la distribuzione degli stessi nelle caselle postali di tutto il quartiere; siamo nei mercati di Cinisello con la raccolta di firme contro la costruzione del “centro benessere” nel Parco. Poi in piazza, davanti alle chiese, in pieno inverno con la prima neve che cade, raggiungiamo già un migliaio di firme.

Partecipiamo al dibatto indetto dall’amministrazione comunale contro la costruzione del centro natatorio comprensivo di piscina all’aperto, vasche coperte, zona fitness, zona benessere e parco giochi coperto, da gestire per 30 anni e realizzare da una società privata in un area di 23 mila metri quadri di parco alberato, con conseguente cementificazione dell’area verde, eliminazione di un centinaio di alberi, inquinamento al mille per mille, disagi per gli abitanti ecc. ecc.

Andiamo casa per casa a spiegare cosa succederebbe nel quartiere con la costruzione del nuovo “centro benessere” e tantissima gente firma la petizione. La frase che mi ha colpito di più è stata quella pronunciata da una giovane mamma straniera che ci ha aperto la porta con la bimba in braccio e che ha voluto firmare subito perché ” con quello che stanno già facendo con le foreste brasiliane, ci mancherebbe altro che non firmi per proteggere questo parco”.

Nel secondo incontro con la cittadinanza, avvenuto a metà gennaio, il sindaco dimissionario Daniela Gasparini, rendendosi conto della forte opposizione manifestata dai cittadini del quartiere, comunica di ritenere necessario fermare la pubblicazione del bando di gara e di consegnarlo alla nuova amministrazione che uscirà dalle elezioni comunali future.

La partita è ancora aperta. Nostro intento adesso sarà di far conoscere ai cittadini la posizione dei candidati sindaci: se vogliono, o no, costruire nel parco della Costituzione. Ai cittadini poi la scelta nel dare il voto.

[Grazia Coccolini è candidata alle elezioni del 26-27 maggio come indipendente nella lista di Rifondazione Comunista ]

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...